Londra, Victoria and Albert Museum

Durante il weekend a Londra io e mio fratello abbiamo visitato il Victoria and Alberto Museum, che prende il nome dalla regina Vittoria e dal principe Alberto, ed è un museo immenso, il più importante a livello mondiale per quanto riguarda le arti applicate e le arti minori, ha un’enorme collezione di opere pittoriche, scultoree e di architettura. Nell’ultimo fine settimana di Febbraio, quando lo abbiamo visitato, ospitava anche due particolari mostre: una dedicata a Winnie The Pooh e una sulla moda, che non ho capito se sia permanente o temporanea, ma è sicuramente la cosa che più ho apprezzato (se vi ricordate, di recente ne avevo vista una con la stessa tematica a Firenze, e ne avevo parlato qui).

Ovviamente non abbiamo visto tutto l’intero museo perché penso che richieda una giornata intera, senza esagerare, ma abbiamo scelto solo alcune zone, ahimè saltandone altre, che conto di vedere in futuro.

Il Museo, che si trova su Cromwell Road, di fianco al Museo di Storia Naturale, e poco distante da Harrods, è ad offerta libera, come buona parte dei musei a Londra, e si presenta maestoso fin dall’entrata.


Il lampadario all’entrata.

Alcune sculture poste nei pressi dell’entrata.

La prima parte che abbiamo visitato è stata quella dedicata al Giappone, dove sono esposte sia opere antiche e tradizionali, come il kimono o gli abiti dei samurai, sia cose che richiamano la modernità, come gli abiti di un personaggio manga o l’oggettistica dedicata ad Hello Kitty, dall’aspirapolvere al tostapane. Un oggetto che ha catturato la mia attenzione è stato l'”Inro”, nato alla fine del 1500, con lo scopo di tenere gli oggetti, come una sorta di pochette, utilizzato anche dai maschi, poiché il tradizionale kimono non presenta tasche (ovviamente, da appassionata di borse, non potevo farmi scappare una cosa del genere!).

Diverse tipologie di Inro.

Alcuni oggetti che ricordano il Giappone oggi.


Le armature da samurai.

La seconda area che abbiamo visitato è stata quella dedicata al Medioriente, ricca di colori, storie e leggende. Al centro della sala c’è un enorme tappeto tradizionale, mentre intorno vi sono esposte tutte delle ceramiche, da dei semplici bicchieri a dei camini interi.

Alcune ceramiche.

Il tappetto.

Dopo aver visitato la parte delle sculture, mi sono fiondata nella parte sulla moda, dove sono esposti dei tipici vestiti dal 1750 ad oggi, sia maschili che femminili (a differenza della mostra di Firenze, dove erano presentati solo gli indumenti femminili).

Alcuni scatti dell’esposizione, in ordine cronologico.

Se doveste capitare a Londra, vi assicuro che questo è un museo da visitare!

4 Risposte a “Londra, Victoria and Albert Museum”

  1. Il VA è per me il Museo dei Musei. L’avrò visitato 10 volte e credo di non averlo ancora visto tutto. Adoro la sala d’entrata. Resteri lì ore e guardarmi attorno.

    1. Verissimo, la sala all’entrata è pazzesca😍

  2. Splendido e raffinato Museo!

    1. Si, merita una visita!☺️

Lascia un commento